Cessione del Quinto

Cessione del Quinto

Cos’è la cessione del quinto

La cessione del quinto è una tipologia di finanziamento, con una durata dai 24 ai 120 mesi,  che dovrai rimborsare attraverso l’addebito della rata mensile sul salario o sulla pensione(fino a 1/5 ovvero 20% dell’importo netto).

In fase di istruttoria non sono mai richieste le motivazioni che inducono il cliente a richiedere il finanziamento o ulteriori garanzie, né gli istituti eroganti consultano banche dati per verificare l’esistenza di eventuali segnalazioni negative sul potenziale cliente e/o esposizioni già presenti.

Chi può richiedere una cessione del quinto

Puoi fare richiesta per un prestito con cessione del quinto se sei:

 

Contattami

 

Dipendente statale

Puoi richiedere la cessione del quinto in qualità di dipendente statale se appartieni ad una delle seguenti categorie:

  1. Dipendenti ministeriali con portafoglio e senza portafoglio: se lavori per Ministero degli Affari Esteri;Ministero dell’Ambiente;Ministero per i Beni e le attività Culturali;Ministero Commercio con l’Estero;Ministero delle Comunicazioni;Ministero della Difesa;Ministero delle Finanze;Ministero di Grazia e Giustizia;Ministero dell’industria, del commercio e dell’artigianato;Ministero dell’Interno;Ministero dei Lavori Pubblici;Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali;Ministero per le Politiche Agricole e Forestali;Ministero della Sanità;Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione economica;Ministero dei Trasporti e della Navigazione;Ministero della Pubblica Istruzione;Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica;Ministero per le Pari Opportunità.
  2. Appartenenti alle forze armate e forze di polizia: le forze armate, relazionate al Ministero della Difesa, comprendono dipendenti di Arma dei Carabinieri, Esercito Italiano, Marina Militare, Aviazione mentre le forze di Polizia sono composte da Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria.
  3. Dipendenti degli Enti Locali: sono tutti i dipendenti di ASL, Enti Ospedalieri, Regioni, Province, Comuni
Contattami

Dipendente privato

Se sei dipendente a tempo indeterminato di un’Azienda Privata puoi richiedere una cessione del 20% del tuo stipendio netto e sarà cura del tuo datore di lavoro rimborsare il prestito, addebitandoti ogni rata mensile sulla busta paga.

L’intermediazione del datore di lavoro nel rimborso del debito costituisce un’importante garanzia per gli istituti che dovranno concedere il finanziamento.

Un’ulteriore garanzia è costituita dal tuo TFR(Trattamento di Fine Rapporto).

Infatti in caso di perdita del posto di lavoro l’istituto erogante è autorizzato a prelevare il tuo TFR accantonato fino alla concorrenza del debito residuo.

Fino a quando il prestito non verrà rimborsato il TFR resterà indisponibile e potrai utilizzare solo la parte non destinata a coprire il debito residuo (se il tuo TFR accantonato è di € 25.000 e un debito residuo di €20.000 saranno vincolati solo i 20.000 ed avrai un acconto TFR disponibile di €5.000).

Le due garanzie summenzionate, oltre a tranquillizzare chi eroga il prestito, ti offre due grandi vantaggi:

  1. Maggior facilità nell’ottenere il finanziamento
  2. Tassi più bassi
Contattami

 

Pensionato

Se sei un pensionato Inps ed ex Inpdap puoi richiedere una cessione del quinto della durata dai due ai dieci anni e le rate ti verranno addebitate direttamente dall’ente di previdenza sul tuo cedolino della pensione.

A seconda dell’età che avrai al momento della richiesta possono variare:

  1. La durata massima della cessione
  2. Il premio assicurativo.

Quando NON puoi richiedere una cessione del quinto come pensionato

Non potrai effettuare una richiesta per la cessione del quinto se sei titolare di:

  1. Pensioni e assegni sociali;
  2. Pensioni di invalidità civile;
  3. Assegni di sostegno al reddito;
  4. Assegni al nucleo familiare;
  5. Pensioni con contitolarità per la parte che eccede la quota spettante al richiedente il prestito
  6. Pensioni ai lavoratori prossimi alla pensione che percepiscono una prestazione finalizzata a incentivare l’esodo dal lavoro.

Classi d’importo delle cessioni del Quinto secondo la nuova convenzione INPS

Le classi d’importo delle cessioni, sono state definite dalla nuova convenzione INPS(valida fino al 31 dicembre 2018) così come segue:

  • fino a 59 anni con assegni fino a 15mila euro 8,6 / oltre i 15mila euro 7,71
  • da 60 a 64 anni con assegni fino a 15mila euro 9,4 / oltre i 15mila euro 8,51
  • da 65 a 69 anni con assegni fino a 15mila euro 10,2 / oltre i 15mila euro 9,31
  • da 70 a 74 anni con assegni fino a 15mila euro 10,9 / oltre i 15mila euro 10,01
  • da 75 a 79 anni con assegni fino a 15mila euro 11,7 / oltre i 15mila euro 10,81

Controlli dell’INPS su cessione del Quinto

L’Inps, prima di versare le rate all’istituto erogante, verifica che esistano determinate condizioni:

  1. La presenza dei requisiti richiesti per legge a una banca o a una finanziaria per effettuare l’operazione;
  2. I tassi di interesse devono essere applicati sotto il ‘tasso-soglia’ anti usura, per gli enti accreditati, o pari ai tassi convenzionali fissati in base alla fascia di età e al prestito erogato dall’ente convenzionato.
  3. Nel contratto devono essere specificate tutte le spese:
    1. istruttoria;
    2. estinzione anticipata;
    3. premio assicurativo per premorienza;
    4. commissioni e interessi.
Contattami

Assicurazioni obbligatorie per la cessione del quinto

La legge(nello specifico il DPR 180/50)  obbliga chi richiede una cessione del quinto a stipulare due assicurazioni:

  1. Assicurazione a tutela del rischio vita –> in caso di invalidità permanente o decesso del debitore rimborsa il debito residuo alla banca o alla società finanziaria
  2. Assicurazione a tutela del rischio impiego(solo nel caso della cessione per il Quinto dello Stipendio) –> in caso d’interruzione del rapporto lavorativo

Le coperture assicurative obbligatorie hanno una doppia finalità:

  1. Tutelano la banca o l’istituto finanziario che ha erogato il prestito
  2. Tutelano il richiedente e i suoi familiari/eredi perchè le rate della cessione del quinto saranno totalmente a carico della compagnia.

Vantaggi della cessione del quinto

La cessione del Quinto presenta una serie di vantaggi per il richiedente:

  1. Finanziamento ottenibile al 99%–> Le banche e le società finanziarie sono ben predisposte nell’erogare prestiti in forma di cessione grazie alle garanzie richieste al momento della sottoscrizione.
  2. Importi elevati –> grazie alla tutela offerta dalle polizze obbligatoriese hai un buon stipendio e una buona anzianità lavorativa
  3. Nessuna motivazione richiesta –> Potrai richiedere il finanziamento senza specificare a che cosa ti servono i soldi
  4. Sicurezza –> Sei tutelato dall’assicurazione in caso di perdita involontaria del posto di lavoro o invalidità permanente
  5. Flessibilità della durata –> Puoi scegliere in quanto tempo desideri estinguere il debito(fino ad un massimo di 120 rate mensili).
  6. Possibilità di richiesta della cessione anche per cattivi pagatori –> A differenza di altre forme di finanziamento puoi richiedere una cessione anche se non hai una storia creditizia perfetta(protesti ,segnalazioni in CRIF, etc..)
  7. Facilità di rimborso del prestito –> Grazie alla trattenuta della rata mensile sulla busta paga o sulla pensione riesci a pagare sempre puntualmente e non rischi di andare incontro a sanzioni.
  8. Richiedibile anche con altri finanziamenti in corso –> Puoi ottenere una cessione anche se hai in corso un prestito personale o un altro finanziamento
  9. Nessun garante richiesto –> Per poter ottenere una cessione è sufficiente che tu abbia determinati requisiti ed in nessun caso ti sarà richiesto l’intervento di una terza persona
  10. Possibilità estinzione anticipata del debito –> Secondo la Normativa vigente potrai saldare l’importo dovuto e liberarti dal debito prima della scadenza prestabilita

Come richiedere una cessione del quinto

Per scoprire se puoi ottenere una cessione del quinto e ricevere un preventivo contattami.

 

Contattami